Azimut 68

Azimut 68: uno yacht cosmopolita

Azimut 68 è uno yacht cosmopolita che mette al centro l’armatore, proponendo tre layout di interni diversi pensati per i diversi stili di vita a bordo.

16 novembre 2021 - 11:00

Azimut 68 è il nuovo modello della Collezione Flybridge, progettato in collaborazione con Alberto Mancini per gli esterni e Achille Salvagni per gli interni. Il cantiere ha progettato uno yacht di 21 metri che si adatta ai desideri dell’armatore contemporaneo, sempre più desideroso di soluzioni su misura anche su dimensioni di barca più contenute.

Azimut 68: tre configurazioni

Il primo dei tre layout disponibili è caratterizzato da un elegante salone all’ingresso del Main Deck, con la cucina in posizione defilata che è stata chiusa con una soluzione che abbina cannettato e plexiglass. Questa configurazione “Lanterna” conferisce privacy alla cucina, ma consente alla luce di fluire attraverso l’intero spazio creando un ambiente ampio e luminoso.

La seconda versione con la galley aperta è per gli armatori che preferiscono un ambiente meno formale. Eliminando la porta scorrevole, la cucina si apre direttamente sulla zona pranzo che, come nel layout Lanterna, può essere trasformata anche in una seconda area lounge.

L’ultima configurazione prevede la cucina all’ingresso del Main Deck per favorire un flusso immediato tra interno ed esterno mentre l’area living è più defilata verso prua. La scelta di avere la cucina all’ingresso consente di servire perfettamente la zona pranzo esterna e interna favorendo una maggiore convivialità.

Alle tre differenti configurazioni di interni dell’Azimut 68 si aggiunge sempre un’area multifunzionale posta al centro del Main Deck che può diventare alternativamente uno spazio per il pranzo, per la conversazione o la lettura, o addirittura una piccola sala cinema, oltre all’area divani convenzionale.

Massima attenzione anche al tema della sostenibilità, con soluzioni concrete e pragmatiche. Sull’Azimut 68 l’utilizzo combinato della fibra di carbonio nelle parti superiori della barca con una propulsione pod consente una diminuzione dei consumi nonostante i generosi volumi della barca. Con lo stesso scopo è stata progettata la carena, frutto di un’ottimizzazione delle forme da cui conseguono migliori performance e il massimo piacere di navigazione.

Azimut 68: interior design

Il design degli interni è stato progettato all’insegna della massima armonia stilistica, dove ogni singolo dettaglio, dall’ambiente nel suo complesso fino agli elementi di arredo di piccole dimensioni, è stato pensato dalla medesima mano per arrivare a realizzare così un progetto assoluto nel senso più vero de termine.

Achille Salvagni, che ha progettato gli ambienti interni, riporta sul nuovo 68 alcuni dei tratti tipici dei suoi più importanti progetti, come le linee morbide e curve, gli spazi ampi disegnati all’insegna di un concetto di convivialità informale e non ostentata e, infine, la grande pulizia dei tratti.

Tra i concetti fondamentali di questo ambizioso e originale progetto ci sono alcuni punti importanti, che distingueranno nettamente gli ambienti di questa imbarcazione dagli altri yacht di dimensioni simili. Il primo di questi, definito Lanterna dallo stesso Salvagni, è la soluzione adottata nel primo dei tre layout per conferire privacy alla cucina, consentendo comunque alla luce di fluire liberamente aumentando notevolmente la percezione dello spazio.

Soluzione importante e innovativa a livello di design, rappresenta l’inedita possibilità di chiudere un ambiente senza renderlo in nessun modo angusto: grazie a un gioco di cannettato verticale e plexiglass sono stati separati due ambienti in modo fisico ma quasi immateriale, perché non impattante a livello visivo. Poter chiudere la cucina mantenendola comunque integrata nell’ambiente rappresenta peraltro una possibilità assolutamente straordinaria su una barca di 68 piedi.

Un altro concetto fondamentale dell’interior design del nuovo Azimut 68 è senz’altro la trasformabilità e la multifunzionalità degli ambienti, particolarmente evidente nella zona giorno del Main Deck, strutturato su due livelli. In questa zona, grazie a due tavolini che possono essere abbassati e alla possibilità di integrare una seconda tv nella parete, è possibile creare due aree diverse e indipendenti tra loro. In questo modo una parte della zona giorno può essere per esempio pensata come un’accogliente zona cinema o videogiochi, provvista di sedute ampie e generose, aumentando le possibilità di fruire di questo spazio in modi diversi e innalzandone il livello di privacy.

Caratteristica importante degli interni è, poi, l’ampiezza degli spazi della zona notte, configurata per offrire quattro cabine e tre bagni di dimensioni decisamente generose (notevoli in altezza, ampiezza degli armadi e lunghezza dei letti), tanto che la quarta cabina dispone di letti a L e capiente armadiatura, elevandone notevolmente il livello di comodità.

Particolarità assoluta degli ambienti interni del 68 è, infine, la raffinata suite dell’armatore di un lusso naturale e non artificioso, e caratterizzata dalla possibilità di vivere questa zona all’insegna di un benessere vicino al moderno concetto di wellness. La parte del bagno che contempla la zona lavabo è stata infatti realizzata a vista, in comunicazione diretta con la suite, tanto che l’ambiente ricorda l’atmosfera di rilassatezza e serenità di una moderna e raffinata spa. A enfatizzare questo dialogo tra una parte della zona bagno (con porta scorrevole) e la suite, una parte del pavimento di quest’ ultima propone un effetto pietra, diverso dalla superficie soffice disposta intorno al letto.

La suite è stata arredata con un grande letto con effetto sospeso, come le cassettiere, e un armadio con ante a tutta altezza. Ancora una volta Salvagni ha proposto materiali e geometrie che fanno traspirare una eleganza naturale, anche grazie a scelte cromatiche tenui e prive di bagliori. Tra i principali materiali scelti c’è il legno thai chiaro e accenni di mogano con una prevalenza dell’opaco (escluso l’accento degli ottoni lucidi, degli specchi e del mogano). Altri dettagli sono stati realizzati in laccato bianco ed eco-pelle (principalmente su testaletti e ante degli armadi).

Le finestrature sono molto ampie e regalano all’ambiente una luce sorprendente, mentre il testaletto in eco-pelle ritrova una simmetria nella nicchia dietro il vanity sul lato opposto, creando un richiamo tra i due lati della barca.

Azimut Yacht ha quindi deciso ancora una volta di arricchire gli spazi privilegiando la tensione delle forme, la purezza e la pulizia del tratto e creando un’atmosfera di sospensione e fluidità, accentuata dall’illuminazione a led e fortemente legata al concetto di moderno benessere. Questo ambiente è stato progettato con l’intenzione di rappresentare al meglio il desiderio di relax che solo un’imbarcazione può offrire.

Azimut 68: design

I tratti di questo nuovo Azimut 68 sono puliti, armonici e leggeri. Il design è stato firmato da Alberto Mancini, che da sempre si ispira al car design e ne fa tesoro per dare vita a un linguaggio stilistico che oggi sta rinnovando fortemente il design nautico, attraverso una modellazione decisamente avanzata delle forme e la sostituzione di alcuni dettagli di acciaio con la vetroresina, che assumono così la forza di elementi di design.

Anche con questo progetto Azimut Yachts porta avanti un profondo rinnovamento stilistico caratterizzato da un’estrema pulizia di design e di tratto, dove le potenze scure sembrano fondersi con le finestrature che quasi si smaterializzano e conferiscono una grande leggerezza d’insieme.

Anche le zone esterne, come quelle interne, sono caratterizzate da trasformabilità e multifunzionalità, evidente in particolar modo nell’ampia zona di prua, dove parte del prendisole (lungo più di 2 metri) può essere ribaltata per creare un’immensa zona lounge arredata con divani contrapposti di inedita profondità e grande comodità, ideale per momenti di assoluto relax e convivialità.

Il Fly è molto generoso nell’offerta degli spazi e prevede tre zone separate: un ampio prendisole, un’area dining e una zona poppiera che può essere concepita come un’altra zona prendisole o arredata come un’area conversazione, con ampi divani. L’arredo si basa su tratti fluidi e tondeggianti che richiamano gli ambienti interni, tanto che parte del mobilio sembra fluttuare. Molto caratteristica è la seduta pozzetto che grazie a un attento design sembra un divano self standing, un’ulteriore citazione dal mondo dei grandi yacht.

Sullo specchio di poppa c’è l’accesso alla cabina marinaio a due posti e un’ulteriore area storage sul lato. Sulla spiaggetta trova posto un Tender Pirelli J33 nella sua edizione speciale Azimut Yachts.

Alla carena molto efficiente si abbina una motorizzazione ideale, composta da due Volvo IPS 1350, che assicura una velocità massima di 32 nodi. Il nuovo Azimut 68 è dunque una barca leggera e silenziosa, facilmente manovrabile. Azimut 68 si avvale inoltre di diverse soluzioni come il Joystick Driving System, Control Monitoring System Garmin e l’active trim control.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social. Vi invitiamo a seguire Quotidianomotori.com su Google News, ma anche su FlipboardFacebookTwitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

AL30 Special Edition

AL30 Special Edition: il fisherman tecnologico che sconfina nel lusso

Ferretti Yachts 860

Ferretti Yachts 860: il nuovo flybridge all’avanguardia

Regali Natale originali per lui

Regali Natale originali per lui: accessori, oggetti di design e pezzi unici firmati Riva