Auto elettriche economiche

Auto elettriche: pro e contro, vantaggi e svantaggi, i costi

Rispondiamo a tutti i dubbi sulle auto elettriche con le nostre risposte alle domande più frequenti per capire se è una tipologia di vettura adatta ai vostri percorsi abituali.

8 agosto 2021 - 15:00

Auto elettriche: quali sono i pro e contro? Quali sono vantaggi e svantaggi? La domanda è assolutamente lecita, visto il numero di novità che le case automobilistiche hanno presentato recentemente ma anche per l’ecobonus auto 2021 che rendono le auto elettriche più appetibili.

Conoscere i pro e i contro delle auto elettriche è un argomento è piuttosto complesso, proviamo allora a suddividerlo tra convenienza economica, praticità d’uso ed ecologia in modo da andare ad individuare ed esaminare ogni dubbio.

Vediamo insieme gli argomenti principali da conoscere quando si cerca di capire i pro e i contro dell’auto elettrica.

Indice dei contenuti

Con l’auto elettrica si risparmia?

Proviamo ad esaminare i risparmi e costi per valutare pro e contro delle auto elettriche. C’è il prezzo d’acquisto, che è molto più alto rispetto ad un’auto tradizionale. Certo, gli incentivi statali al quale si sommano incentivi regionali, il listino prezzi scende.

Dal punto di vista fiscale, c’è invece da considerare positivamente l’esenzione bollo auto per i primi 5 anni, ed addirittura per l’esenzione per sempre in Lombardia e Piemonte. A proposito di esenzioni, si ha diritto all’accesso gratuito alle ZTL, ed molti comuni è permesso parcheggiare gratuitamente sulle strisce blu.

Per quanto riguarda l’infrastruttura domestica, il wallbox è offerto spesso in promozione, compreso nel prezzo dell’automobile. In generale si parla di un costo tra i 1.500 ed i 3.000 € a seconda dei modelli e della potenza scelta. E’ comunque possibile portare in detrazione fiscale la spesa per l’acquisto e la sua installazione. Riguardo al wallbox, c’è da mettere in conto l’aumento della potenza dell’impianto standard domestico da 3 kW. In questo caso i costi variano con la potenza richiesta, ed è necessario rivolgersi al proprio gestore di energia elettrica.

Il grosso risparmio delle auto elettriche riguarda la manutenzione di motore e freni, che subiscono una  minor usura rispetto alle auto tradizionali. In più, c’è da tenere presente sulle auto elettriche alcune componenti non esistono proprio. Non c’è ovviamente bisogno di controllare, riparare o cambiare candele, frizione, motorino di avviamento, radiatore e terminale di scarico.

Viceversa, può essere onerosa la manutenzione della batteria. In questo caso, è necessario controllare in fase di acquisto dell’auto elettrica la garanzia sul pacco batterie, oppure se sono fornite ad esempio in leasing.

Dal punto di vista della guida, uno dei grandi vantaggi delle automobili elettriche è riuscire a recuperare energia in frenata o quando si rallenta, grazie alla frenata rigenerativa. La città risulta essere l’ambiente ideale in quanto accelerazioni e frenate si susseguono. In questo modo la batteria viene ricaricata spesso, aumentando l’autonomia. Viaggiando in autostrada invece si utilizza la batteria costantemente, senza mai darle la possibilità di ricaricarsi: è ovvio che l’autonomia in questo caso diminuisce più rapidamente.

Quanto costa un pieno?

Un altro dei pro e contro delle auto elettriche riguarda il costo del “pieno di elettricità”, ne abbiamo parlato anche in questo articoli sui  costi di ricarica dell’auto elettrica. Per quanto riguarda il costo del pieno domestico, nonostante quanto riportano molte fonti, il calcolo non è così semplice. Dipende essenzialmente dal contratto che è stato stipulato, che può essere ovviamente diverso e può contenere promozioni.

Tenete presente che le bollette contengono infatti le voci relative alla quota fissa (costo di commercializzazione vendita e dispacciamento) e la quota energia (proporzionale ai consumi €/kWh energia, dispacciamento, sbilanciamento, perequazione energia). Oltre a questo c’è la spesa per il contatore ed il trasporto, che contiene una quota fissa (indipendente dai consumi), la quota potenza (in proporzione alla potenza impegnata) e la quota variabile (in relazione alla quantità di energia trasportata).

Per dare l’idea delle cifre, secondo Enel X ricaricare a casa una vettura di media dimensione costa circa 4 euro per una autonomia di 100 km, ovvero più o meno una misura che si può ottenere anche con il GPL.

Per quanto riguarda invece il “pieno alla colonnina elettrica”, a differenza dei carburanti tradizionali, si paga sia per l’energia elettrica, sia per la velocità con la quale viene erogata. Esistono inoltre abbonamenti “flat” così come tariffe al consumo.

Tariffe EnelX ricarica elettrica presso colonnine

  • Piano a consumo Base: nelle stazioni di EnelX ricarica in Italia, 0,40 €/kWh per ricariche in AC (Corrente Alternata), 0,50 €/kWh in DC (Corrente Continua) con potenza fino a 50kW e 0,79 €/kWh su prese in DC con potenza superiore a 50kW. Nei paesi diversi dall’Italia 0,50 €/kWh per ricariche su prese in AC e 0,79 €/kWh su prese in DC.
  • Piano a consumo Premium: in aggiunta al piano a consumo base con il pagamento di un canone annuo di 25 € si ha il diritto al servizio di prenotazione delle colonnine per il periodo di 1 anno
  • Piano Flat Small: 25 € al mese per 70 kWh mensili
  • Piano Flat Large: 45 € al mese per 145 kWh mensili

Tariffe Ionity ricarica elettrica presso colonnine

Ionity in Italia propone 0,79 €/kWh per gli High Power Charging (fino a 350 kW) e 0,49 €/kWh

Tariffe Tesla ricarica elettrica presso Supercharger

Tariffa base: 0,30 € kWh

Quanto tempo occorre per un pieno di ricarica?

Attualmente una ricarica completa può essere effettuata con un tempo compreso tra le 2 alle 12 ore. Anche se le 2 ore sono più un tempo teorico, difficilmente oggi riscontrabile nella realtà. La carica più lenta avviene tramite le prese domestiche, a meno di installare un wall-box aumentando però la potenza dell’impianto di casa come abbiamo visto sopra.

Le colonnine pubbliche permettono ricariche più rapide rispetto a quelle domestiche. Caso a parte per Tesla, che grazie ai propri Tesla Supercharger posizionati vicino ad hotel ed aree di sosta in autostrada sono in grado di fornire una ricarica completa in 40 minuti.

Le auto elettriche sono pratiche?

Le auto elettriche sono senza alcun dubbio pratiche in città. E’ proprio in città che possiamo addirittura parlare di piacere di guida, grazie ad accelerazione e scatto paragonabili alle auto sportive. Destreggiarsi nel traffico grazie è più semplice grazie alla coppia sempre disponibile.

Non è invece facile trovare colonnine disponibili in città, sia per il numero ridotto sia per il fatto che siano occupate “abusivamente” da chi non ne ha diritto. In ogni caso l’autonomia e il fatto dei pochi punti di ricarica, diminuiscono il grado di praticità delle auto elettriche: è necessario programmare gli spostamenti per evitare di rimanere “a secco” di elettricità.

Quanto è l’autonomia delle auto elettriche?

C’è fa fare attenzione al fatto che viene sempre indicata l’autonomia massima, ovvero quella ottenuta nelle condizioni più favorevoli. Per forza di cose, l’autonomia reale è più bassa di quanto dichiarato nei vari cicli di omologazione. A seconda dei modelli oggi sul mercato, si va da circa 200 fino a 500 km di autonomia massima.

L’autonomia dipende da diversi fatto come ovviamente lo stile di guida, dal percorso pianeggiante o in salita, dall’utilizzo dell’aria condizionata e come ovvio di tutto ciò che è elettrico.

 

Le auto elettriche rispettano l’ambiente?

Nel valutare pro e contro delle auto elettriche l’aspetto ambientale è uno dei fattori da tenere conto. Da una parte abbiamo le emissioni zero: le auto elettriche non emettono gas di scarico. Per questo motivo potrebbero essere un fattore determinante per diminuire lo smog nelle città.

C’è però da verificare come è stata prodotta l’energia elettrica utilizzata dalle auto elettriche. E’ auspicabile che l’energia elettrica venga prodotta da fonti rinnovabili, ma sappiamo che attualmente non è così. In Italia ad esempio sono ancora un funzione centrali a carbone, oltre a quelle a turbogas, mentre è noto che il nostro Paese compra energia proveniente dalle centrali nucleari francesi.

Non solo, anche le batterie producono inquinamento. Parliamo quindi della fase di estrazione dei minerali impiegata nella fase di produzione, ma anche della problematica fase dello smaltimento.

 

I nostri test drive

Ma come vanno le auto elettriche su strada? Qui sotto alcuni test drive con le prove che abbiamo pubblicato negli ultimi mesi.

  1. Hyundai Ioniq 5: la recensione primo contatto sulle strade di Valencia
  2. La recensione della nuova Citroen e-C4 elettrica con le prime impressioni su strada
  3. Recensione approfondita della Mazda MX-30 Electric con prova su strada
  4. Hyundai Kona Electric: il test drive elettrico.

 

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

notifica di una multa polizia

Record storico: camionista si becca in una volta sola 88 multe per 27.000 euro e 249 punti sulla patente

pec obbligatoria bufala

Ecco perché non ci sarà mai la PEC obbligatoria per gli automobilisti.

manuale hacker copertina

Il manuale dell’hacker di automobili: il libro guida per il penetration tester.