Forza Street

Forza Street: il gioco perfetto per i momenti di noia

Che grafica! Ma....

6 giugno 2020 - 11:00

Quando ho parlato di Forza Horizon 4 ero molto entusiasta, perché è un gioco, alla fine adatto a tutti – rimando alla recensione per saperne di più. Forse proprio per questo, da Forza Street mi aspettavo molto, essendo parte di un franchise che nella sua storia (Motorsport e Horizon) non ha praticamente mai deluso. Invece, il gioco di per sé è abbastanza mediocre, ma è talmente bello da vedere che è perfetto per i “tempi morti”, quando non si sa cosa fare. Vediamolo un po’ meglio!

Forza Street: il classico “bello, ma vuoto”

Nessun gioco mobile gode di chissà quale complessità nella struttura, in quanto il mezzo che lo supporta non nasce naturalmente per dei giochi complessi, anche perché i comandi sfruttabili  – tranne qualche eccezione, come la serie ROG di Asus – sono solo sul touch. Per cui, la base e i comandi di ogni gioco per smartphone sono basilari, elementari e tutto sta a come imposti quei comandi basilari.

Distinguersi, quindi, è difficile, ma in questo caso forse la struttura del gioco è davvero troppo basilare. Forza Street prende le caratteristiche di un drag race game, e le semplifica ancora di più. In questa tipologia di gioco, l’utente non deve sterzare, non deve fare praticamente nulla se non pigiare il dito al momento giusto per quanto riguarda la frenata e la ripartenza dell’auto, e il compito più complesso lo ha nella preparazione, nella scelta di un assetto della vettura che le garantisca stabilità durante la guida.

Il gioco di Microsoft per mobile – presente in realtà da più di un anno solo sul Microsoft Store per Windows 10 – toglie anche questa parte, cosicché noi dovremo solo impegnarci a fare un’accelerazione buona o ottima facendo attenzione a non far andare l’indicatore dei giri nella zona rossa, e poi seguire le indicazioni colorate che indicano il momento perfetto per frenare prima di una curva, e ripartire dopo aver curvato. Fine, stop: un meccanismo altamente ripetitivo che rischia facilmente di cadere in noia, se si pretende di giocare a Forza Street con lo stesso spirito cui si gioca a Forza Horizon, ma anche ai suoi concorrenti principali come Asphalt 9 e Need For Speed No Limits, due titoli secondo me molto più riusciti.

Altro lato negativo sono gli avversari: complice anche l’utilizzo del Nitro – non l’ho detto, ma a differenza di tutti i titoli Forza qui ci troviamo in un mondo di corse clandestine – è praticamente impossibile essere sconfitti, e l’avversario si riesce a recuperare in qualsiasi occasione.

Forza Street: grafica eccezionale, parco auto completo

Ma allora, dirai, perché dovrei scaricare Forza Street? Ci ho riflettuto un po’ anche io, in effetti, perché la delusione era tanta. Ma poi ho capito che questo è un gioco perfetto per i momenti morti: io, per esempio, lo uso quando prendo il treno o la metropolitana, ma anche quando sono in sala d’aspetto, di qualsiasi tipo, in auto mentre guidano altri e il viaggio si prospetta lungo, o quando sono a casa ma non ho voglia di nulla di troppo impegnativo. Perché il lato positivo di Forza Street, è che è una goduria per gli occhi.

Ciò che eredita bene dalla serie Forza per PC e Xbox è infatti il comparto grafico, che lo pone secondo me al vertice della classifica dei simulatori da corsa per gli smartphone, seguito subito dopo da Need For Speed, altro titolo molto ben riuscito nel comparto grafico. Ambientato in una Miami esclusivamente notturna, gli sviluppatori sono stati abili a usari colori neon e fluo come il fucisa, il blu elettrico, il verde, per dare dinamicità al gioco, mentre le auto sono davvero molto ben riprodotte, non ci sono lag e quasi nessuna incongruenza.

Altro aspetto che dà dinamicità è il gameplay. Sia Need For Speed che Asphalt mantengono la solita visuale dal retro, quella tipica di ogni simulatore. Ma se Forza Street avesse mantenuto questa impostazione, sarebbe stato davvero noiosissimo e insalvabile. Invece, è stata scelta una visuale cinematografica molto d’effetto, con un continuo cambio di inquadrature che, insomma, prova a rendere il titolo un po’ più dinamico.

Ottimo anche il parco auto, che comprende vetture sia di nuova che di vecchia generazione, come Ford Mustang Boss degli anni Sessanta, la nuova Mustang GT, o ancora la BMW M4 e tante altre. Insomma, Forza Street non è niente di che, ma è un buon passatempo in quei minuti (o ore) che passeremmo altrimenti su Facebook.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Audi Q5 2020

Audi Q5 2020: motori ed allestimenti, a partire da 53.500 euro

Aston Martin DB5 Goldfinger Continuation

Aston Martin DB5 Goldfinger Continuation: l’auto con i gadget di James Bond!

Preordini Tesla Cybertruck

Preordini Tesla Cybertruck: al via le prenotazioni in Cina