Hyundai Bayon

Hyundai Bayon: svelato il nome del nuovo suv che arriverà nel 2021

La nuova Hyundai Bayon farà il suo debutto nella prima metà del 2021.

25 novembre 2020 - 18:00

Si chiamerà Hyundai Bayon, il nuovo suv che arriverà sul mercato europeo nella prima metà del 2021, Hyundai Bayon sarà un modello completamente nuovo e rappresenterà un’importante ampliamento dell’attuale gamma suv Hyundai.

Essendo un modello rivolto principalmente al mercato europeo, Hyundai ha deciso di utilizzare il nome di una città europea. Il nome Bayon, infatti, trae ispirazione dalla città di Bayonne, nel Sud-Ovest della Francia: situata tra la costa atlantica e i Pirenei, la cittadina francese è un posto ideale per gli amanti di attività come la vela e l’hiking, in linea con il carattere lifestyle della vettura.

Negli ultimi 20 anni, Hyundai ha spesso preso ispirazione da diverse località nel mondo per dare origine ai nomi di alcuni dei più apprezzati suv del brand. Tra gli esempi non ci sono soltanto Santa Fe e Tucson, che prendono la denominazione dalle rispettive città in Arizona e New Mexico, ma anche Kona, il cui nome deriva dall’omonimo distretto di Big Island nelle Hawaii. Anche Nexo, il pioneristico suv fuel-cell di Hyundai, ha una correlazione geografica: il nome si rifà infatti a Nexø, una delle più grandi città della celebre isola danese Bornholm.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram.

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

PLF per viaggiare

Cos’è il modulo PLF, quando serve e come ottenerlo

Renault Clio E-Tech Hybrid

Renault Clio Hybrid: l’ibrida per la città, comoda per viaggiare

Changan CS85

Changan CS85: il SUV coupé cinese un po’ BMW, un po’ Mitsubishi