Togliatti. La fabbrica della Fiat. Il libro dell’epopea italo russa.

Gianluca Pezzi
23/10/2022

Togliatti. La fabbrica della Fiat. Il libro dell’epopea italo russa.

Si chiama Togliatti e non Togliattigrad, la città in Russia famosa per gli stabilimenti dell’industria automobilistica VAZ realizzati in collaborazione con la Fiat durante gli anni settanta. Una storia particolare, raccontata nel libro “Togliatti. La fabbrica della Fiat” di Claudio Giunta e Giovanna Silva.

Ma come mai la città si chiama come l’ex segretario del PCI? Il 21 agosto 1964 muore a Jalta Palmiro Togliatti. Il 28 agosto 1964 la città di Stavropolsul-Volga, mille chilometri a sud-est di Mosca, viene ribattezzata “Togliatti”.

togliatti la fabbrica della fiat

Il 22 aprile 1970, nel giorno del centesimo compleanno di Lenin, dall’AutoVAZ di Togliatti esce la prima automobile Zhigulì. Nel 1976 gli esemplari prodotti saranno tre milioni per il grande balzo in avanti della motorizzazione sovietica.

In mezzo, tra il 1966 e il 1970, c’è un’epopea italiana: perché a costruire il gigantesco impianto produttivo di Togliatti, una fabbrica grande il doppio di Mirafiori, in una città nata insieme alla fabbrica, tra inimmaginabili difficoltà e fatiche, furono tecnici e operai della Fiat, la Fiat di Vittorio Valletta e di Gianni Agnelli.

togliatti la fabbrica della fiat

Cinquant’anni dopo, Claudio Giunta e Giovanna Silva hanno viaggiato fra Torino e Togliatti per raccontare quella storia raccogliendo memorie familiari, ora comiche ora drammatiche, e ascoltando le voci, italiane e russe, di coloro che, giovani allora, parteciparono all’impresa.

Togliatti. La fabbrica della Fiat.

Togliatti. La fabbrica della Fiat.

 

  • Copertina flessibile : 136 pagine
  • ISBN-10 : 8899385750
  • ISBN-13 : 978-8899385750
  • Editore : Humboldt Books (9 ottobre 2020)

Disponibile su Amazon con Spedizione Prime

I nostri consigli in libreria:

 

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

telegram