Nio ES8

Il SUV cinese Nio ES8 è pronto per l’Europa con il battery swapping per cambiare le batterie anzichè ricaricarle

Nio ES8 è un SUV elettrico cinese con 425 km di autonomia che si rifornisce tramite "battery swapping". Anzichè aspettare tempi bibilici per la ricarica, le batterie vengono sostituite con altre già cariche.

21 giugno 2021 - 9:00

È la Norvegia la porta d’accesso alla Vecchia Europa, o almeno lo è per Nio, azienda cinese produttrice esclusivamente di auto elettriche di fascia alta, divenuta famosa alle nostre latitudini per la berlina ET7, che con batterie allo stato solido e un design ricercato punta a sfidare Tesla in Cina. Nio ES8 è la proposta a ruote alte della società che, come annunciato di recente, ha ricevuto l’approvazione EWVTA (European Whole Type Approval), alla base per l’ingresso di Nio in Europa, che partirà proprio dalla commercializzazione del modello nella monarchia scandinava.

Nio ES8, nei prossimi mesi, potrà essere venduto e immatricolato in tutti i Paesi dell’Unione Europea o affini – come la Norvegia stessa – e diventa così un nuovo marchio cinese in avanscoperta nel nostro continente, insieme a i recenti Xpeng, WeltmeisterAiways o ancora Lynk & Co, che si appoggia a Volvo, e SAIC, tramite la rinata MG.

Con battery swapping si fa il “pieno” cambiando la batteria

Nio ES8 sarà commercializzato a partire da settembre, e da Oslo arriverà anche negli altri Paesi europei, verosimilmente in quelli dove il mercato di auto elettriche è abbastanza avanzato. Nio ES8 sarà venduto tramite una rete di vendita e assistenza diretta, che comprenderà i concessionari noti come Nio House, ma anche la  Nio App, i servizi Nio Lige e le più interessanti di tutte: le Nio Power Swap Station.

Il SUV, infatti, supporta lo swapping battery, che grazie a queste stazioni permette di estrarre la batteria scarica, e di inserirne una carica, “facendo rifornimento” in meno di 5 minuti. Non è ancora chiaro, però, quante Swap Station sorgeranno, in quanto a differenza delle microcar elettriche, la batteria enorme di un’auto di questo tipo non permette un battery swapping in autonomia. Non si tratta di una nuova idea. Ci avevano già pensato nel lontano 2005 gli israeliani di Better Place, e più di recente Ample.

Ad ogni modo, l’azienda spera che l’Europa dia una spinta in più al sue mercato: nei primi 5 mesi del 2021, in Cina sono stati venduti circa 7.451 esemplari di Nio ES8, ma la società spera di attirare gli europei sia col design particolare del suo modello, sia proprio con la diversa tecnica di ricarica che, a differenza di tutte le altre auto elettriche in commercio, non richiede tempi lunghi.  Una caratteristica che aumenta la sua vocazione “da viaggio”, già sottolineata da un’autonomia abbastanza grande: 425 km su ciclo NEDC, in linea con la concorrenza, per esempio con la Volvo XC40 Recharge Twin, che ha 418 km di autonomia; o con la Kia e-Soul, che ne ha 454 con il pacco batterie più grande.

Un design piacevole

Nio ES8 e, in generale, le vetture di questo marchio si contraddistinguono per un design già piuttosto ricercato e vicino ai gusti europei. Per quanto la ET7 sia più riuscita, e per quanto non ci sia nulla di originali, la linea dell’ES8 è comunque elegante e piacevole. L’anteriore è sicuramente la parte più elaborata, con il gruppo ottico confuso tra cromature e paraurti, che delinea un aspetto massiccio e moderno, nonché di impatto specialmente con i fari accesi.

Il profilo è abbastanza slanciato, e lascia intendere un abitacolo arioso e luminoso grazie ai vetri grandi, mentre il posteriore è più classico, con i grandi fari a sviluppo orizzontale e quasi uniti al centro, e nessun altro elemento, ma solo giochi di colore e luce creati dalle forme spigolose del portellone del bagagliaio e del paraurti.

Puliti e razionali sono anche gli interni, divisi cromaticamente in zona superiore scura, e zona posteriore chiara, con le bocchette dell’aria integrate nella plancia, in un modo che onestamente mi ricorda la nuova Hyundai Tucson, che abbiamo appena provato in variante plug-in Hybrid. Bella la disposizione dei due display, sia quello che fa da cluster digitale, sia quello centrale, verticale e come “appoggiato” sulla plancia.

 

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Vi invitiamo a seguirci anche su Google News cliccate qui sotto per l’iscrizione gratuita!

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

autovelox

Autovelox: quando fare ricorso e quando la multa è nulla

Prodotti pulizia auto

Tutti i migliori prodotti economici ed efficaci per la pulizia auto per avere un’automobile splendente.

anatra autovelox

Quando gli svizzeri beccarono un’anatra a 52 km/h con l’autovelox.