Stabilimento Toyota

Anche Toyota colpita dalla crisi dei seminconduttori taglia la produzione del 40%

Anche Toyota cede alla crisi, ed in Giappone ferma gli impianti per 15 giorni

20 agosto 2021 - 13:00

Prosegue la grande crisi dei semiconduttori che sta attanagliando più o meno tutte le case automobilistiche. A febbraio avevamo parlato del caso di GM che crollava in borsa, poi di tutti i problemi causati alle compagnie di autonoleggio, ma anche dell’assurdo caso, sempre negli USA, di auto usate che costano più di quando erano nuove. Se è vero che il problema ha messo in evidenza che la priorità sono i computer e non le auto, è anche vero che al momento non ci sono soluzioni.

Anche Toyota cede, e si trova costretta a tagliare a settembre la produzione in Giappone del 40%, proprio a causa della carenza di semiconduttori, evidenziando come la scarsità sta colpendo anche le aziende che venivano ritenute preparate al peggio. Insieme a Toyota anche Ford e GM si trovano costrette a fermare la produzione, anche per colpa di problemi produttivi causati in Asia dal coronavirus.

Certo, parte del problema è nato da previsioni errate sulla ripartenza da parte delle case automobilistiche, avvenuta in anticipo rispetto a quanto si pensava. Va detto anche che, considerando il fermo totale dello scorso anno, era difficile pensare che qualcuno sarebbe andato a scommettere, perchè di scommessa si tratta, su una ripresa rapida. E’ prevalsa la prudenza, che però in questo caso si è rivelata un’arma a doppio taglio: ripresa lenta e contratti sul lungo periodo hanno lasciato liberi i produttori di semiconduttori di rivolgersi agli assemblatori di computer ed accessori.

La questione è seria, tanto da far sospendere la produzione di Rav4, Corolla, Camry e Lexus ES dal primo al diciassette settembre. Una chiusura degli stabilimenti che ovviamente coinvolge anche tutti gli altri fornitori di parti di automobili, ma anche quelli dei servizi per le fabbriche e per i lavoratori. A livello di numeri, si stima che usciranno dalle linee di produzione dalle 60 alle 90.000 unità in meno in Giappone, e circa 80.000 in meno in Nord America.

Vedremo nelle prossime settimane se altri gruppi automobilistici saranno coinvolti nella crisi, o viceversa se qualcuno avrà trovato una soluzione definitiva.

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando, o leggendo i nostri articoli sulle auto a metano, sugli scooter elettrici del 2021 o sui monopattini elettrici migliori del 2021.

 

 

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

polizia notifica di una multa

Autovelox in Lombardia: tutte le postazioni dal 18 al 24 Ottobre

Hongqi-E-HS9

Hongqi E-HS9: il suv elettrico cinese che si ispira a Rolls Royce e Velar

Volkswagen Tiguan Allspace 2021

Volkswagen Tiguan Allspace 2021 a partire da 39.500 Euro