Rapiremo Niki Lauda: il romanzo giallo di Carlo Cavicchi

Gianluca Pezzi
05/03/2022

Rapiremo Niki Lauda: il romanzo giallo di Carlo Cavicchi

Se con la definizione di “romanzo storico” ci si riferisce ad epiche gesta su campi di battaglia, con Rapiremo Niki Lauda il nostro amico Claudio Cavicchi ci porta invece all’interno del mondo della Formula 1. Così, dopo aver scoperto i segreti dell’hacking delle automobili, i segreti per guidare bene le moto, ma anche quelli per il set-up delle bici, oggi proponiamo il segreto più segreto di tutti: il piano per rapire nientepopodiméno che Sua Maestà Nicky Lauda.

Possibile? Si, perché Carlo Cavicchi, firma storica del giornalismo dell’automobile, ha avuto una di quelle idee che stuzzicano la fantasia, in un contesto molto reale, ovvero gli anni ’70 quando purtroppo in Italia i rapimenti a scopo di estorsione erano all’ordine del giorno. E se fosse accaduto davvero? Come sarebbero potute andare le cose?

Rapiremo Niki Lauda di Claudio Cavicchi

Un piano perfetto messo a punto nell’arco di quasi un anno: rapire il pilota migliore del mondo, Niky Lauda, nel suo momento di massima ascesa a metà degli anni ’70. Un blitz in grado di fruttare un grande riscatto capace di far svoltare la vita ai suoi due ideatori, un austriaco e un italiano.

rapiremo nicky lauda

Una storia che nasce da lontano e si dipana fra Bologna e il Friuli Venezia Giulia con flash veri e sorprendenti, in buona parte ben poco noti dai circuiti della Formula 1 in un anno in cui potevano capitare vicende incredibili. Il romanzo fra scommesse illecite, case chiuse, amori sinceri e altri traditi, muove la sua trama come un vero giallo.

Disponibile su Amazon con Spedizione Prime

 

Dettagli prodotto

  • Editore : Minerva Edizioni (Bologna) (15 luglio 2020)
  • Lingua : Italiano
  • Copertina rigida : 192 pagine
  • ISBN-10 : 883324282X
  • ISBN-13 : 978-8833242828
  • Peso articolo : 360 g

 

 

I nostri consigli in libreria

 

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

telegram