Deus Bike

Deus Bike: la “super custom” di Zero Motorcycles si fa ammirare a Milano

Appassionati e non possono andare al Deus Store di Milano per ammirare la Deus Bike

30 settembre 2021 - 9:00

Realizzata insieme a Deus Ex Machina, la Deus Bike di Zero Motorcycles punta proprio all’Italia, il primo mercato europeo per quanto riguarda le moto, molto attento allo stile, all’estetica e per questo difficile da conquistare. Anche quello delle moto elettriche è un mercato complesso, nel Bel Paese dei Grandi, ma la società motociclistica americana, che forse impropriamente potremmo definire la “Tesla” delle moto per aver introdotto questa tecnologia nel mercato e per diverse innovazioni, ora si espande, con nuovi punti vendita e una strategia dedicata.

E lo fa proprio con moto elettriche che godono di tante prestazioni e di autonomia a lungo raggio, unite ad ampia possibilità di personalizzazione, che possono diventare espressione della propria personalità. Proprio come Michael “Woolie” Woolaway, che ha realizzato la Deus Bike di Zero Motorycles dalla sede di Venice Beach di Deus ex Machina.

Deus Bike: così retrò nell’estetica, così moderna nella tecnica

La Deus Bike non è una novità in senso stretto, ma è una novità per l’Italia: la moto elettrica creata da Deus ex Machina tramite Woolie, un pezzo unico e non in vendita, è stata realizzata nel 2020. Un’espressione di stile, moderna nella propulsione – in quanto elettrica – ma con un’estetica squisitamente retrò, visibile nelle finiture e nella forma in generale, che rappresentano la volontà di Zero Motorcycles di voler essere “qualcosa di diverso”.

La Deus Bike è a sua volta pioniera di nuove e numerose collaborazioni con altri costruttori, che porteranno all’azienda californiana nuovi modelli unici. Ma nel frattempo, Deus Bike attraversa l’Europa, e fino al 5 ottobre 2021 sarà esposta al Deus Store di Milano (Via Thaon di Revel 3, metro Zara M3 M5 o Isola  M5) dove gli appassionati e non solo potranno ammirarla.

Dico “appassionati e non solo” perché, come dichiara la stessa Zero Motorcycles, chi si approccia al mercato delle moto elettriche, e alle vetture Zero, non è necessariamente un motociclista. Sono tanti i fattori che spingono le persone ad avvicinarsi alle due ruote prive di tubo di scarico, dalla ricerca di un mezzo agile per la città come alternativa ai mezzi pubblici, ai giovani, che rappresentano la fetta più grande della clientela di Zero Motorcycles, sia per la vocazione “green”, sia per la tecnologia, sia appunto per la personalizzazione.

L’espressione di sé non riguarda solo modelli One Off come la Deus Bike. Zero Motorcycles ha infatti lanciato il Pacchetto Quickstrike, kit di personalizzazione limitata per la Zero SR/F, che valorizza le linee già comunque ben identificabili della moto elettrica con accessori ispirati al mondo delle corse (e che è andato già esaurito).

La nuova gamma Zero Motorcycles

Se certo la personalizzazione estetica è un elemento fondamentale per conquistare il pubblico italiano, certamente non basta. Ho definito l’azienda come la “Tesla” delle moto elettriche, e del resto per ora è l’unica ad avere una gamma esclusiva di veicoli a due ruote alimentati alla spina, che prova a fare breccia in questo difficile mercato, e in continua espansione.

Per esempio, nei mesi scorsi abbiamo parlato della nuova Zero Motorcycles FXE, super notare che unisce il comfort di guida a un design ricercato, frutto della collaborazione con Bill Webb di Huge Design, con sede a San Francisco, che è partito da una versione – sempre da lui personalizzata – della FXS nel 2018.

Altro elemento su cui punta Zero Motorcycles è la presenza, in gamma, di motorizzazioni da 11 kW (125cc), che mantengono però le stesse prestazioni per quanto riguarda l’accelerazione e la coppia delle versioni più potenti. Sono infatti pensate sia per i sedicenni, sia per chi, come si diceva prima, ha scelto la moto non perché appassionato, ma prima di tutto per necessità e funzionalità, e non è quindi dotato di Patente A. Tra l’altro, parlando con i ragazzi di Zero Motorcycles  EMEA, mi hanno garantito prestazioni molto accattivanti, con uno 0-100 in poco più di 3 secondi, cosa che ha acceso in me un certo interesse verso questi 125 cc.

Oltre alla FXE, a metà settembre 2021 Zero ha svelato una prima parte della gamma 2022, ovvero le nuove S, DS e DSR, tutte dotate dell‘OS Cypher II, hub per l’integrazione di tutti i sistemi della moto, dal Bosch ABS di serie, all’hardware aggiornato fino al display TFT da 5 pollici a colori.

Zero ad Eicma 2021

Queste nuove proposte faranno tappa anche ad Eicma 2021 (Hall 14, Stand M58), che avrà luogo dal 23 al 28 Novembre 2021, e che Zero Motorcycles considera un momento fondamentale: è alla fiera milanese che annuncerà altre novità.

Un altro segno della volontà di investire in Italia, come testimonia l’apertura, nel 2022, di una filiale italiana tutta dedicata alle esigenze del mercato Italia.

 

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Vi invitiamo a seguirci anche su Google News cliccate qui sotto per l’iscrizione gratuita!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Shark Evojet

Shark Evojet: mobilità urbana senza compromessi

Yamaha WR250F 2022

Yamaha WR250F 2022 più veloce e aerodinamica di sempre

Eicma Milano 2021

Scooter elettrici e moto elettriche a Eicma 2021